Cronache dal web

/Cronache dal web

Quando il brand diventa un gioco

Si parla spesso di riconoscibilità dei brand. I marchi ci circondano, popolano le nostre giornate, ci ammiccano dalle vetrine, dalle auto, dai giornali, dal web. Siamo quindi abituati a vederli, con le loro forme e colori. Cosa accadrebbe, però, se qualcuno ce ne mostrasse soltanto una parte?
Saremmo davvero in grado di riconoscerli?

E’ la sfida che ci lancia un nuovo gioco disponibile su Facebook (ed anche su mobile), il cui nome evoca già il contenuto: “Hi Guess the Brand“.

Non è sempre così facile vincere, provare per credere!

guess-the-brand

Categories: Brand, Cronache dal web, Facebook, Social Networks|

TripAdvisor diventa un portale di ricerca per pianificare i viaggi

Con i suoi i suoi 200 milioni di recensioni scritte dai viaggiatori, TripAdvisor si presenta come il più grande portale di viaggi al mondo. E fin qui prendiamo atto dei numeri.

La novità è però di  questi giorni e consiste in una campagna pubblicitaria televisiva mirata a comunicare al grande pubblico che il sito ha fatto un salto di qualità: da portale essenzialmente costituito da recensioni, offre oggi anche nuovi servizi di pianificazione e prenotazione delle vacanze, mettendo a confronto i prezzi di 200 siti diversi. La motivazione al cambiamento è certamente data dalla presenza in rete di siti concorrenti che già da tempo offrono servizi analoghi nello stesso settore o in altri, quali ad esempio le assicurazioni e il campo immobiliare.

Siamo onesti, chi di noi non ha fatto almeno un passo su TripAdvisor negli ultimi anni per conoscere l’opinione di chi è già stato ospite di una certa struttura turistica o di un ristorante?

Fin qui è storia nota, nel senso che ormai non ci si affida più alle tradizionali guide cartacee per informarsi sul rapporto qualità/prezzo del settore turistico. E’ più veloce ed immediato “dare una sbirciatina” su TripAdvisor dove le valutazioni, però, va detto, sono spesso soggettive e contrastanti, legate a più fattori quali flussi stagionali, condizioni meteorologiche o preferenze culinarie.

L’aspetto innovativo sarà affidare al portale l’oneroso (soprattutto in termini di tempo) compito di confrontare strutture e prezzi a parità (o quasi) di condizioni. Sarà una mossa vincente?
Dal momento che la stagione delle ferie è ormai prossima non dubito che lo scopriremo a breve.

Vai

Nuova legge sull’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie

Il nuovo Provvedimento sull’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie sui siti web, denominato “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie – 8 maggio 2014“, è entrato in vigore ormai da una settimana ma ancora serpeggiano incertezze e confusione in merito.

In realtà il Provvedimento era stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014, ovvero esattamente un anno prima dalla sua entrata in vigore ma, si sa, anche quando si avrebbe tutto il tempo di fare le cose con calma è facile ridursi all’ultimo momento. E così puntualmente è stato.

I più previdenti, soprattutto i siti di carattere commerciale, avevano precorso i tempi adeguando già da qualche mese le proprie pagine a quanto previsto dal Provvedimento, ma i più sono corsi ai ripari appena in tempo ai limiti della scadenza, per timore delle salate sanzioni previste per gli inadempienti.

A dire il vero sull’interpretazione del provvedimento perfino gli uffici legali di molte aziende si sono trovati discordi, principalmente a causa di una diffusa disinformazione sulla natura e le funzionalità dei cookies, che sono da sempre in uso su internet, benché la maggior parte dei navigatori non ne fosse consapevole.

Riassumendo brevemente a beneficio di tutti, i cookies sono righe di testo usate su internet per eseguire in modo automatico alcune operazioni o per raccogliere dati. Essi possono essere di durata variabile (di sessione o persistenti – ovvero durevoli nel tempo), tecnici o di profilazione, di prima o terza parte.
La confusione si è generata principalmente intorno alla necessità di dichiarare o meno i cookies in uso sul proprio sito. I più ottimisti – che pensavano di essere esenti dall’obbligo – hanno scoperto con sorpresa che anche semplicemente inserendo il codice di Google Analytics (o similare) per tracciare le visite al proprio sito già si faceva uso di cookies tecnici (usati per raccogliere anonimamente dati aggregati). Ancora più impegnativa la dichiarazione per chi aveva incorporato nel proprio sito i vari servizi offerti da Youtube o dai social network, che utilizzano anche cookies di profilazione.

Va detto che la macro-distinzione fondamentale esiste tra i cookies detti tecnici e quelli di profilazione finalizzati ad inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente nell’ambito della navigazione sul web.
Da qui è nata l’esigenza del Garante per la privacy di legiferare in merito, per assicurarsi che il navigatore fosse reso consapevole dell’esistenza di tali cookies e messo anche in condizione di rifiutarne l’installazione o di rimuoverli, correndo però il rischio di non poter usufruire di alcune funzionalità del sito.

Entrando maggiormente nel dettaglio del provvedimento, esso prevede che – nel momento stesso in cui si accede ad una qualunque pagina del sito – compaia in primo piano una informativa breve (sotto forma di banner) contenente un primo avviso che il sito contiene cookie, che la prosecuzione della navigazione comporta il consenso all’uso degli stessi e ne esplicita la natura. L’informativa breve deve contenere anche un link ad una informativa estesa destinata ad un ulteriore approfondimento. Nell’informativa estesa andranno anche indicate le modalità per rifiutare e/o rimuovere i cookie eventualmente già presenti sul dispositivo di navigazione.

Per finire, in caso di omessa o inidonea informativa il provvedimento prevede una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da seimila a trentaseimila euro (art. 161 del Codice) mentre l’installazione di Cookie sui terminali degli utenti in assenza del loro preventivo consenso comporta addirittura la sanzione del pagamento di una somma da diecimila a centoventimila euro (art. 162, comma 2-bis, del Codice).

Perr maggiori informazioni vi rimando al testo del provvedimento pubblicato sul sito del Garante per la privacy: Via

Le 21 professioni del web

Citiamo da Webnews:

“Pubblicati in Italia i primi profili per il Web conformi ai principi dell’Agenda Digitale: 21 professioni europee dell’ITC di terza generazione. La sezione italiana dell’IWA/HWG, associazione internazionale dei professionisti del Web, ha stilato il documento ufficiale dei profili dell’Information Tecnology rispettosi dell’agenda digitale europea. Per una volta il Belpaese – non sempre all’altezza delle sfide dell’innovazione – arriva prima. Nel documento sono definiti 21 profili, i più coerenti e aderenti, che possano permettere una chiara identificazione delle competenze e conoscenze richieste a chiunque operi nel settore.”

Il documento pubblicato (redatto dal gruppo Web Skills Profile e disponibile per la consultazione in formato pdf) si rivolge ai protagonisti del settore ITC e ai responsabili delle risorse umane e si propone come un importante punto di riferimento per definire le competenze spettanti ad ognuna delle ventuno figure professionali individuate ed elencate, che operano nel settore web.

Per una lettura completa dell’articolo vi rimando al sito di Webnews:

Via

#tWeBook, quando il social diventa libro

A volte le idee brillanti nascono senza preavviso.

E’ questo il caso di due utenti di Twitter che hanno avuto l’iniziativa di scrivere una storia composta esclusivamente da tweets, ciascuno dei quali ovviamente di soli 140 caratteri, e uniti tra loro dal filo invisibile dell’hashtag #tWeBook.

Si tratta di @titofaraci e @Angioletto9, che sono i nickname rispettivamente di Tito Faraci e Claudia Maria Bertola.

I due autori hanno iniziato per gioco a pubblicare tweets in versione “botta e risposta” che, pian piano, componevano una storia, che ha preso vita da un evento realmente accaduto alla Bertola e poi sviluppato su suggerimento di altri utenti di Twitter.

L’opera, se così si può chiamare, è stata raccolta in un libro digitale intitolato “#tWeBook. Una storia scritta tweet à tweet” ed è scaricabile gratuitamente (su iniziativa degli stessi autori) in versione pdf al seguente indirizzo:

Via

Twitter punta al video hosting

La notizia non è ancora ufficiale ma, nell’articolo intitolato “Twitter Buys Vine, a Video Clip Company That Never Launched“, AllThingsD parla dell’acquisizione, da parte del noto social network Twitter, di Vine, piattaforma di video-hosting non ancora lanciata sul mercato. Questo confermerebbe il progetto di Twitter di dire addio ai servizi di hosting come Yfrog, TwitVid e Vodpod per consentire ai propri utenti di uploadare direttamente i propri video, come già avviene con le fotografie.
Ovviamente si tratta di un progetto ambizioso che richiederà del tempo ma sembra che si sia già “in corso d’opera”.

La landing page di Vine recita:

“The best way to capture and share video on your iPhone”.

AllThingsD ci spiega in sintesi:

“It’s different than the slew of other video apps currently on the market. Usually when you shoot with your smartphone, the camera captures one continuous shot. Vine allows for punctuated recording. Grab a few quick snips of video, and Vine auto-generates a longer cut stitched from those shots. It’s a novel idea, and hones in on the sweet spot of our ever-dwindling attention spans.”

La novità rispetto alle applicazioni  attualmente sul mercato per smartphone risiederebbe quindi nella funzione di auto-generazione di un video a partire da piccoli “spezzoni” catturati in modo non continuativo mentre, attualmente,  è possibile effettuate solo un’unica ripresa continuativa.

Per la lettura dell’articolo vi rimando al sito di AllThingsD.

Categories: Comunicazione, Cronache dal web, Social Networks, Web 2.0|

I media siamo noi

Che le nostre vite fossero ormai strettamente legate alla rete era sotto gli occhi di tutti ormai da tempo, ma il CENSIS ci offre dati statistici su cui riflettere grazie al 10° Rapporto Censis/Ucsi sulla comunicazione.
Tra i dati più interessanti apprendiamo che il 62,1% degli italiani frequenta il web (+9% in un anno), 1 su 2 è presente su Facebook. Complici di questa escalation, ovviamente, i dispositivi mobili e i social network.

Il dato che forse induce alle maggiori riflessioni è che il numero dei lettori di quotidiani, che solo cinque anni fa arrivava al 67%, si ferma oggi al 45% e che ad un titolo di studio più alto non corrisponde maggiore interesse nei confronti della lettura di libri e giornali.
In particolare gli italiani appaiono sempre più interessati ad una informazione “su misura”, personalizzata se non addirittura auto-prodotta e pubblicata (su Facebook, Twitter o Blog):

“Si riducono i consumi di quotidiani, ma i portali web d’informazione generici sono utilizzati ormai da un terzo degli italiani (il 33% nel 2012). Non è il bisogno d’informazione a essere diminuito, ma le strade percorse per acquisire le notizie sono cambiate.”

Il rischio insito in questa tipologia di comportamento, purtroppo, è che l’utente si informi esclusivamente sulle notizie di suo interesse e non sul resto.

Per queste ed altre ragioni il CENSIS parla a giusto titolo di “era biomediatica”.
In merito ai dispositivi mobile apprendiamo che:

“Proprio i telefoni cellulari (utilizzati ormai dall’81,8% degli italiani) aumentano ancora la loro utenza complessiva (+2,3%), anche grazie agli smartphone (+10% in un solo anno), la cui diffusione è passata tra il 2009 e il 2012 dal 15% al 27,7% della popolazione e oggi si trovano tra le mani di più della metà dei giovani (54,8%). Questi ultimi utilizzano anche i tablet (13,1%) più della media della popolazione (7,8%).”

Per una lettura integrale vi rimando all’articolo del CENSIS

Arriva Volunia, il motore di ricerca made in Italy

Ne parlano largamente sul web ed anche in TV ma il nome incuriosisce ancora, si tratta di Volunia, il primo motore di ricerca “made in Italy”, ideato da Massimo Marchiori.

Questo informatico e matematico italiano è anche ricercatore scientifico nel W3C ed è uno degli autori della famiglia di standard mondiali XQuery. Come se questo non bastasse, aveva ideato l’algoritmo che poi Larry Page ha utilizzato per realizzare Google e nel 2004 ha anche vinto il premio TR100 della Technology Review, che viene dato ai 100 giovani ricercatori più innovatori al mondo (fonte Wikipedia).
Fa sicuramente piacere appurare che non tutti i “cervelli” fuggono dall’Italia e che ancora qualcuno crede nelle possibilità di sviluppo del nostro paese, anche dal punto di vista tecnologico.

Per quanto riguarda l’origine del nome Volunia, in rete in questi giorni si erano accreditate due possibili ipotesi:

  1. “Volo fino alla Luna”
  2. VOL (Video on Line, la prima internet italiana nata in Sardegna) + Luna.

Marchiori sembra spazzar via ogni dubbio:

«L’ho battezzata con questo nome unendo la parola volo e Luna per simboleggiare il balzo che il mio motore garantisce»

Allo stato attuale l’accesso al nuovo motore di ricerca è ancora limitato ad un ristretto (proporzionalmente parlando) numero di selezionati (si può richiedere l’accesso tramite il sito http://launch.volunia.com/).  Chi è già accreditato può invece accedere tramite il sito pubblico http://www.volunia.com/.
Dopo un periodo di sperimentazione, il motore dovrebbe però aprire l’accesso a tutti i navigatori del web.

Qualcosa, comunque, è già trapelato e sembra che l’orientamento del progetto sia ad un mix di search engine e piattaforma social, ovviamente ancora da perfezionare, ma con un DNA innovativo, almeno a giudicare dalle premesse.

Webnews, che è sempre puntuale sulle notizie, lo ha provato e ha dedicato a Volunia un buon articolo accompagnato da diverse schermate.

Vi consiglio la lettura dell’articolo, se desiderate saperne di più.
Buona lettura!

Vai

E’ nata B&G Video

E’ nata da poco ma ha già al suo attivo ben 20 video su Youtube.

Il progetto, in realtà, era “in fieri” già da tempo e finalmente ha visto la luce.
B&G Comunicazione ha affiancato ai suoi servizi di comunicazione una sezione video nuova di zecca e, per l’occasione, ha aperto un proprio canale su Youtube: http://www.youtube.com/begvideo

Tra le chicche più interessanti c’è sicuramente il video “Come nasce la rivista di cinema “Film DOC“, che racconta le varie fasi della lavorazione grafica e web che porta alla versione cartacea e digitale della rivista Film DOC.

Altro fiore all’occhiello è la realizzazione del DVD La storia del gas a Genova dal 1850 al 2011(realizzato in collaborazione con Genova Reti gas), che accompagna l’omonimo volume che è entrato a far parte delle iniziative volte a celebrare il 150° Anniversario dell’Unità d’Italia potendosi così fregiare della concessione all’utilizzo del logo ufficiale da parte del Ministero per i beni e le attività culturali, sotto l’egida del Consiglio dei Ministri.

Alcuni estratti del DVD sono disponibili sul canale begvideo.

Buona visione!

Google cambia ancora

Il motore di ricerca più diffuso e instancabile del mondo continua ad evolversi e, per tenere aggiornati i web developers e i navigatori della rete, comunica 30 nuove modifiche ai suoi algoritmi di ricerca, alcuni dei quali accompagnati dal proprio codename: simple, concepts, leaf, lyndsy e molti altri.

Tre in particolare ci paiono interessanti:

  • Better infrastructure for autocomplete. This is an infrastructure change to improve how our autocomplete algorithm handles spelling corrections for query prefixes (the beginning part of a search).
  • Better spam detection in Image Search. [launch codename “leaf”] This change improves our spam detection in Image Search by extending algorithms we already use for our main search results.
  • Faster mobile browsing. [launch codename “old possum”, project codename “Skip Redirect”] Many websites redirect smartphone users to another page that is optimized for smartphone browsers. This change uses the final smartphone destination url in our mobile search results, so you can bypass all the redirects and load the target page faster.

Per approfondire in particolare quelli relativi al mese di Dicembre 2011: Via