e-BayAlmeno è quanto risulta da un’indagine di mercato commissionata dallo stesso eBay a Research International.
Dai dati emerge che attualmente oltre 16.500 italiani hanno una fonte di reddito primaria o secondaria derivante dalla propria attività di vendita su eBay (14.500) o dall’essere dipendenti di un’impresa che opera su eBay (2.000).
Cresce notevolmente anche la presenza delle PMI italiane che utilizzano questo canale di vendita con un 223% in più rispetto al 2006.
Un altro aspetto che sottolinea la ricerca è l’opportunità che offre la vendita su eBay di raggiungere più facilmente clienti internazionali.
Secondo questi dati pare quindi che e-Bay sia un vero e proprio volano per l’e-commerce italiano delle PMI.
Sono d’accordo, il canale è sicuramente ottimo per far conoscere la propria azienda, d’altro canto nel lungo periodo se si vuole crescere è buona cosa supportare l’attività anche con la creazione di un proprio sito di e-commerce, perchè da un lato è vero che e-Bay aumenta incredibilmente le possibilità di contatto, ma spesso le aziende che vendono tramite questo canale sono sottovalutate, perchè non dobbiamo dimenticare che nel DNA di eBay c’è sempre l’elemento di essere un sito di aste on line e non un vero e proprio e-commerce D.O.C..

Link: Ufficio stampa e-Bay