e-Commerce

/e-Commerce

10 Buone ragioni per avere un sito Web

Chi, come noi, si occupa di Comunicazione e siti Web, si trova spesso a rispondere ad alcune domande ricorrenti, tra le quali la più diffusa è probabilmente “Perché avere un sito Web?”
Mentre per chi vende prodotti è – almeno da un certo punto di vista – più semplice illustrarne l’utilità e le caratteristiche, per chi realizza servizi è invece più complesso far percepire l’utilità e la qualità di un lavoro creativo, come un sito internet.
Vediamo allora di riassumere brevemente in dieci punti, ovviamente senza pretesa di essere esaustivi, alcune buone ragioni per avere un sito web.

Un sito internet offre l’opportunità di:

  1. fornire alla clientela informazioni sempre aggiornate 24 ore su 24 e di raggiungere potenzialmente persone residenti in ogni parte del mondo;
  2. illustrare le proprie Capabilities e mostrare una galleria dei lavori già eseguiti affinchè il cliente possa farsi un’idea del work-flow dell’azienda;
  3. migliorare l’assistenza ai clienti fornendo anche risposte alle domande più  comuni;
  4. realizzare un sistema di vendita online appoggiandosi a sistemi sicuri per i pagamenti, in modo tale da consentire ai clienti di effettuare ordini e acquisti anche nei giorni e negli orari in cui l’azienda è chiusa;
  5. consentire ai clienti o agli utenti interessati di contattare l’azienda tramite moduli appositi, per richiedere informazioni o effettuare ordinazioni;
  6.  farsi conoscere a livello nazionale o internazionale, a seconda delle proprie esigenze con costi minimi rispetto ad altri sistemi;
  7. raccogliere informazioni sui (possibili) clienti attraverso sondaggi online, raccogliendo le loro spontanee adesioni o anche semplicemente analizzando il traffico ricevuto dal sito stesso;
  8. offrire informazioni personalizzate in base alle preferenze di ogni cliente. Nessun altro mezzo di comunicazione consente di raggiungere tali risultati a costi così contenuti;
  9. acquisire maggiore visibilità, anche nei confronti della concorrenza che invece non si tiene al passo con i tempi;
  10. migliorare la propria immagine: un sito web ben realizzato può costituire un ottimo biglietto da visita ed invogliare un potenziale cliente ad avvicinarsi all’Azienda.

Se ritenete che questi motivi siano sufficienti per riflettere sull’opportunità di dotarvi di un sito web o anche semplicemente per saperne di più, vi invitiamo a visitare il nostro sito ufficiale: www.begcom.it.

 Buona navigazione!

Comprare su Amazon con il cellulare via sms

L’interazione fra cellulari e web sembra essere sempre più una realtà in rapida crescita: lo dimostra il nuovo servizio offerto da Amazon.com sul cui sito ora è possibile completare acquisti tramite il telefonino.
Amazon TextbuyIt
L’opzione si chiama TextBuyIt e, come potete vedere nell’immagine, è molto semplice da utilizzare: basta inviare un SMS ad Amazon con la query di quello che si desidera comprare e ci arriverà un messaggino con una lista di oggetti che corrispondono alla nostra ricerca. Trovato l’oggetto che ci interessa, basta inviare un sms di risposta con il numero dell’oggetto; si riceverà poi una chiamata per confermare l’ordine.
Mi direte: ma non è più comodo comprare direttamente sul sito della Amazon? Probabilmente sì e spesso queste “innovazioni” non servono altro che a far parlare di sé. Non vedo un grande livello di utilità, considerando poi i cellulari di nuova generazione con i quali si potrebbe andare sul sito della Amazon e realizzare un acquisto tramite browser mobile che è praticamente identico (a parte le dimensioni dello schermo) a un browser per PC, evitandosi anche la spesa dei due messaggini.
Sinceramente mi risulta difficile capire queste pseudo innovazioni.

Link: TextBuyIt

Categories: e-Commerce, Mobile, News, Web Mobile|

Effetto Long Tail: tante gocce formano il mare della web economy

Long Tail“Il mondo è bello perché è vario” recita un noto proverbio. Parole sante, a giudicare dal progressivo affermarsi anche in rete di nuovi modelli economici studiati e descritti dal lungimirante Chris Anderson nel 2004 su Wired Magazine ed etichettati dallo stesso con il termine “Long Tail” (= coda lunga). Questa espressione viene utilizzata comunemente anche nelle scienze statistiche e il suo significato può essere così sintetizzato (Fonte Wikipedia):

In molti casi, gli eventi poco frequenti o di bassa ampiezza – la coda lunga, rappresentata dalla porzione gialla della curva – possono cumulativamente superare in numero o in importanza la porzione iniziale della curva, di modo che presi tutti insieme rappresentano la maggioranza.
Anderson sostiene che i prodotti a bassa richiesta o con ridotti volumi di vendita possono collettivamente occupare una quota di mercato equivalente o superiore a quella dei pochi bestseller o blockbuster, se il punto vendita o il canale di distribuzione sono abbastanza grandi.

(altro…)

16.500 italiani vivono di eBay

e-BayAlmeno è quanto risulta da un’indagine di mercato commissionata dallo stesso eBay a Research International.
Dai dati emerge che attualmente oltre 16.500 italiani hanno una fonte di reddito primaria o secondaria derivante dalla propria attività di vendita su eBay (14.500) o dall’essere dipendenti di un’impresa che opera su eBay (2.000).
Cresce notevolmente anche la presenza delle PMI italiane che utilizzano questo canale di vendita con un 223% in più rispetto al 2006.
Un altro aspetto che sottolinea la ricerca è l’opportunità che offre la vendita su eBay di raggiungere più facilmente clienti internazionali.
Secondo questi dati pare quindi che e-Bay sia un vero e proprio volano per l’e-commerce italiano delle PMI.
Sono d’accordo, il canale è sicuramente ottimo per far conoscere la propria azienda, d’altro canto nel lungo periodo se si vuole crescere è buona cosa supportare l’attività anche con la creazione di un proprio sito di e-commerce, perchè da un lato è vero che e-Bay aumenta incredibilmente le possibilità di contatto, ma spesso le aziende che vendono tramite questo canale sono sottovalutate, perchè non dobbiamo dimenticare che nel DNA di eBay c’è sempre l’elemento di essere un sito di aste on line e non un vero e proprio e-commerce D.O.C..

Link: Ufficio stampa e-Bay