Il buon, vecchio “CAPTCHA” (acronimo di Completely Automated Public Turing test to tell Computers and Humans Apart) ha ormai fatto il suo tempo, per così dire, dimostrando via via le proprie debolezze nel meccanismo di protezione dei siti web dai tentativi di usi illeciti. Come dire: fatta la legge…trovato l’inganno…

Che fare dunque? La proposta arriva da Google, che suggerisce l’elaborazione di una nuova generazione di CAPTCHA, come ci spiega un interessante articolo di Webnews, a  cura di Giacomo Dotta:

“La proposta odierna di Google parte da tre presupposti. Un CAPTCHA efficiente, infatti, deve essere:

  • facilmente interpretabile dalla maggior parte delle persone;
  • difficilmente risolvibile da bot automatici;
  • di semplice generazione;

L’idea è quella per cui un sistema pratico e valido potrebbe essere quello di usare una serie di fotografie. Invece di richiederne all’utente il contenuto (sistema già bocciato in passato in seguito al miglioramento dei software di riconoscimento), il nuovo approccio potrebbe invece chiedere all’utente di verificare il giusto orientamento dell’immagine secondo quelli che sono i contenuti identificati. Il procedimento mentale è pertanto duplice: il riconoscimento dell’oggetto nel suo contesto in primis, l’interpretazione della sua più logica posizione nello spazio infine.” 

La proposta è sicuramente interessante, anche perché – grazie alla presenza delel immagini – potrebbe alleviare quel senso di fastidio sovente percepito dai navigatori di fronte al sistema di controllo dei CAPTCHA finora usati, poco creativo e avvertito come intrusivo.

Per il momento l’idea è ancora da sviluppare, valuteremo in futuro la sua fattibilità ed efficacia.