Websense ha annunciato di aver individuato dei bot in grado di bypassare il sistema CAPTHCA (Completely Automated Public Turing test to tell Computers and Humans Apart) di Gmail.
Quindi dopo Yahoo e Microsoft con Hotmail, anche l’ultimo baluardo pare essere stato espugnato.
Ma cosa fanno questi spider maligni? In pratica individuano il codice a immagine che spesso troviamo nella compilazione dei form e riescono a bypassarlo individuando il codice alfanumerico mascherato per riempire di spamming l’e-mail di un sito o un form di registrazione.
Pare dunque che al momento non ci siano filtri lato web realmente efficaci. Si potrebbe pensare all’utilizzo di filtri direttamente sulla propria posta, ma spesso il loro utilizzo è controproducente, facendo perdere delle e-mail, magari utili, che vengono viste come spam o nocive per i più svariati motivi, anche banali.
Al momento non possiamo fare altro che essere sommersi di spamming. E’ triste dirlo, ma è la cruda realtà.