Benché sia capitato a tutti, prima o poi, di imbattersi in una infografica, non tutti forse sanno esattamente di che si tratta.

A questo proposito ci viene in aiuto Wikipedia:

“Information graphicinfographic (infografica in italiano) si occupa principalmente dell’organizzazione e della rappresentazione di dati e informazioni in forma grafica. Un buon artefatto di infodesign dovrebbe privilegiare la funzionalità all’estetica, pur trovando il miglior compromesso tra i due aspetti.”

Apprendiamo inoltre che sono esempi di infografiche: diagrammi di flusso, mappe, mappe concettuali, schemi (a blocchi e non), grafici, istogrammi e molto altro ancora. L’utilizzo di questa forma di rappresentazione è mirato a semplificare lo sviluppo e la comunicazione di forme astratte e non a caso ne fanno uso riviste scientifiche, manuali, giornali e libri didattici.

Per avere un’dea più chiara di cosa stiamo  parlando, può essere interessante visitare il sito  visual.ly, che ne contiene un  nutrito archivio, sia in termini di quantità che di qualità.
Non senza qualche stupore, apprendiamo che l’infografica è tutt’altro che moderna: considerando le mappe e la cartografia come parte integrante di essa, possiamo risalire all’indietro nel tempo fino ad alcuni millenni a.C., a riprova dell’esigenza che l’uomo ha sempre avuto di rappresentare concetti in forma grafica.

Il web, quindi, non è che il mezzo più attuale per diffonderla.

Buona navigazione!